20 Agosto 2021
SICCITÀ: UN PROBLEMA NON SOLO DI FERRAGOSTO

SALVAN “I soci, nel tempo, hanno investito e innovato per affrontare il problema”.

 

sicità

Irrigazione di soccorso per la prolungata siccità

Il tema della disponibilità della risorsa idrica per l’agricoltura è oggetto della programmazione aziendale dei soci Coldiretti da tempo, ma ancora di più in questi giorni caratterizzati da un clima bollente e temperature che raggiungeranno il picco massimo nel fine settimana raggiungendo i 35 gradi.

La siccità è diventata l’evento climatico più ricorrente da Nord a Sud della Penisola, con danni stimati pari ad oltre un miliardo all’anno per l’impatto devastante sulle produzioni agricole e sulla fertilità dei terreni. Non da meno, l’agricoltura è l’attività economica che, più di tutte le altre, vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici, ma è anche il settore più impegnato per contrastarli.

“Siamo convinti dell’importanza del ruolo che il settore agricolo gioca nell’ambito della promozione di un uso razionale dell’acqua – commenta Carlo Salvan, presidente di Coldiretti Rovigo - sia attraverso lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto, sia mediante altre innovazioni che possono riguardare la modifica degli ordinamenti e delle tecniche produttive e l’introduzione di colture o nuove varietà meno esigenti. La disponibilità della risorsa idrica è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli, senza i quali sarebbe a rischio la competitività del Made in Italy alimentare, così come la stessa sopravvivenza del territorio”. Insomma, l’agricoltura dimostra da tempo una certa lungimiranza sull’argomento. “Le aziende – prosegue Salvan – si sono attrezzate seguendo percorsi, ormai indispensabili, per la sopravvivenza delle colture e del reddito aziendale. A questo si affianca il determinante lavoro dei Consorzi di bonifica, nel nostro caso Delta del Po e Adige Po, che gestiscono la difesa idraulica e ci assicurano l’irrigazione, che sia questa ordinaria o di soccorso”.

L’impegno per la protezione del territorio, per la lotta al cambiamento climatico e per la gestione efficiente delle risorse non può essere solo dell’agricoltura, ma generale. Infrastrutturazione e risparmio idrico sono i concetti cruciali del prossimo futuro. “È necessario prevedere, politicamente parlando - conclude Salvan -, interventi strategici e la realizzazione di infrastrutture a partire dai bacini di accumulo, a impatto zero, come quelli proposti dalla Coldiretti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Il Veneto, ad esempio, recupera solo il 5% della pioggia rispetto ad una media nazionale dell’11%, un dato preoccupante che dimostra quanto bisogno ci sia di investimenti in questo campo.

 

 

OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ E DI TRASPARENZA PER I CONTRIBUTI PUBBLICI

La Legge n. 124/2017 ha introdotto l'obbligo di dare evidenza di “sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro e natura, privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria” ricevuti dalla Pubblica Amministrazione, sopra la soglia di 10.000 euro, secondo il criterio di cassa. OBBLIGHI INFORMATIVI CONTRIBUTI PUBBLICI

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning