13 Novembre 2021
LA SOSTENIBILITÀ AGRICOLA DI MARINA DALLAGÀ PREMIATA ANCHE DA BARILLA

L’azienda di Trecenta socia Coldiretti vince il concorso i ‘Fiori del Mulino:

Marina Dallagà ha partecipato al concorso dopo l’adesione al progetto “Carta del Mulino”

Ieri (venerdì 13 novembre) l’azienda della socia di Coldiretti Rovigo di Marina Dallagà di Trecenta, madre di Cristina Lunardi componente del gruppo Giovani Impresa è stata convocata all'Academia della Barilla a Parma per la premiazione del concorso “I fiori del Mulino”.

“Questo premio consegnato alla famiglia Dallagà-Lunardi è una delle testimonianze del grande lavoro che stanno facendo i nostri soci Coldiretti; si dimostra - commenta il presidente di Coldiretti Rovigo Carlo Salvan – la capacità degli agricoltori di capire quanto sia importante la sostenibilità, non solo dal punto di vista agricolo, ma anche ambientale e sociale. Il consumatore ci chiede sempre più attenzione nel nostro lavoro, che poi viene premiato dai consumi che sono sempre più a favore del 100% italiano. L’impegno delle aziende di intraprendere un’agricoltura più sostenibile si realizza da molto tempo, ma grazie agli accordi di filiera, sostenuti da Coldiretti e che riguardano diversi prodotti agricoli, si riesce a trasmettere la nostra fatica e la nostra passione fino al consumatore finale. Congratulazioni all’azienda di Marina, ma implicitamente grazie a tutti i nostri soci che ogni giorno fanno un buono e sano lavoro agricolo che ha uno sguardo rivolto al futuro”.

 

L’azienda, a conduzione familiare, opera da decenni in provincia di Rovigo, coltiva grano duro, tenero, mais, girasole, colza, barbabietola per un’estensione di circa 130 ettari. I terreni sono ubicati principalmente nei comuni di Trecenta - sede dell’azienda e dove è stata scattata la foto del campo fiorito premiato - Ceneselli e Lendinara . L'evento era esclusivo per la famiglia Dallagà-Lunardi; hanno partecipato Marina, la mamma, Maurizio Lunardi il papà, la figlia Cristina con il fidanzato Mattina Andreasi e il marito dell’altra figlia Valentina prematuramente scomparsa questa estate, Giuseppe Aguzzoni.

“Il marito di mia sorella era presente perché questa foto ha una connessione con lei: era stata proprio sua l’idea di voler scattare la foto del campo e ha dato tutte le indicazioni tecnica sulla posizione e la luce giusta, senza in realtà sapere del concorso, ma solo perché era un bellissimo scatto da immortalare – racconta l’indomani molto emozionata Cristina Lunardi -. Quindi abbiamo vinto anche grazie a lei che ci ha fatto questo regalo”. “È stato un evento emozionante e ben organizzato – ha proseguito Cristina -. É un bel segnale d'interesse nei confronti di chi con la terra ci lavora, il primo anello di una lunga catena e una bella opportunità per tutto il mondo agricolo che ha ottenuto un po' di visibilità e riconoscimento, per quei piccoli ma importantissimi passi che continua a fare per salvaguardare l'ecosistema e la natura che ci circonda, la nostra unica e preziosa casa”.

 

 

 

 

 

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning