10 Gennaio 2023
CALDO: COLDIRETTI, PREOCCUPAZIONE PER IL CLIMA PAZZO

CALDO: COLDIRETTI, PREOCCUPAZIONE PER IL CLIMA PAZZO

Salvan: “2022 siccitoso chiuso con temperature anomale, il 2023 è iniziato con fioriture anticipate, paura per rischio gelate tardive”

 

Se il 2022 si è concluso con temperature anomale, mantenendo purtroppo il trend dei 12 mesi precedenti, il 2023 non è partito diversamente.

“Mentre attendiamo i dati ufficiali di resoconto dell’anno appena finito – commenta il presidente provinciale di Coldiretti Rovigo, Carlo Salvan – stiamo assistendo a un gennaio con giornate da oltre 10 gradi, mentre dovremmo essere nei mesi invernali freddi. La preoccupazione ci fa ricordare la primavera 2021 quando a inizio aprile arrivò una tremenda gelata che decimò la produzione di frutta estiva. L’altra preoccupazione è legata alle precipitazioni: ha piovuto per qualche giorno, ma dopo mesi siccitosi, quindi nuova acqua e neve servirebbero per ripristinare le scorte idriche nei terreni, negli invasi, nei laghi, nei fiumi e per aiutare i ghiacciai che perdono ogni anno superficie e spessore. Secondo l’ultimo bollettino disponibile “Rapporto sulla risorsa idrica in Veneto” redatto da Arpav a fine novembre, per arrivare nella prossima primavera con una situazione non lontana da quella usuale servirebbe un inverno con precipitazioni ben superiori alla norma”.

Ma cosa provocano queste temperature e le scarse precipitazioni? Questo caldo anomalo inganna le coltivazioni che si stanno predisponendo alla ripresa vegetativa con gemme e fioriture anomale come se fosse già primavera.

Ne parla Franco Tosini agronomo del centro di Veneto Agricoltura di Rosolina. “I 10/12 gradi costanti uniti a questa umidità stanno creando problemi, ad esempio sulle lattughe che crescono prima - spiega il responsabile del centro Po di Tramontana - ora c’è offerta massiccia e potrebbe non essercene a sufficienza a febbraio. La bizzarria di questo clima non ci permette più di spalmare la produzione che invece si concentra in cicli; ma non solo, subentrano anche problemi fitosanitari, perché la programmazione agricola è sballata. Per la frutticoltura, se le temperature non si abbasseranno avremo fioriture anticipate con il rischio di enormi danni in caso di gelate tardive che potrebbero bruciare i fiori. Quello che dobbiamo ancora capire è se queste problematiche perdureranno o diventeranno una costante: se fosse dovremmo cambiare le date dei cicli di produzione e fare delle scelte che modificheranno le abitudini agroalimentari. In agricoltura i problemi come questi prima o poi si pagano”.

“Secondo una stima di Coldiretti, i danni provocati dalla siccità e dal maltempo hanno già superato i 6 miliardi di euro solo nel 2022 - conclude Salvan -. L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici. Se da un lato, come persone, ci fa molto più comodo risparmiare sui costi energetici e queste temperature non ci dispiacciono, come operatori agricoli siamo molto preoccupati”.

OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ E DI TRASPARENZA PER I CONTRIBUTI PUBBLICI

La Legge n. 124/2017 ha introdotto l'obbligo di dare evidenza di “sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro e natura, privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria” ricevuti dalla Pubblica Amministrazione, sopra la soglia di 10.000 euro, secondo il criterio di cassa. OBBLIGHI INFORMATIVI CONTRIBUTI PUBBLICI

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning